ZAGATO e le sue auto

ZAGATO e le sue auto

Le origini

Un giusto appellativo per Ugo Zagato potrebbe essere “il mago dell’alluminio” in quanto la sua esperienza su questo tipo di materiale era molto alta e anchge perchè le sue creature eccellevano per quanto riguardava il peso,sempre piu leggere della concorrenza.Ugo fece le sue prime esperienze lavorative alle OFFICINE POMILIO ANSALDO dove riuscì a attingere conoscenze che gli sarebbero servite durante tutta l’attività della carrozzeria ZAGATO.

Era l’anno 1919 quando Ugo Zagato aprì le officine che portavano il suo nome.I primi anni furono molto complicati dal punto di vista lavorativo ma riusci a collaborare con le OFFICINE POMILIO per quanto riguardava la costruzione di alcune parti di aereo.Riuscì nel poi a trasferire a Milano l’attività aprendo il suo atelier in zona Loreto.Zagato collaborerà con Fiat,Bianchi,Diatto e con altre marche tra le più famose dell’epoca.Nel 1923 con l’aiuto di alcuni importanti soci,nacque di fatto la carrozzeria ZAGATO che gli permise di allestire nel 1926 due carrozzerie ALFA ROMEO modello RL Super Sport che ben figurarono in diverse gare in Europa.La sua abilità di carrozziere lo fece entrare nel mondo delle gare prima come collaboratore dell’Alfa Romeo della Scuderia Ferrari e poi quando quest’ultima gestiva l’intero reparto corse della casa del Portello gli fu commissionata la carrozzeria della RLSS che porto in gara alla Mille Miglia del 1927 Gastone Brilli Peri che sfiorò la vittoria andata alla OM di Minoia-Morandi.

Nel 1928 l‘Alfa Romeo partecipò ancora alla Mille Miglia con la 1500 SS della quale Vittorio Jano commissionò la carrozzeria a Zagato.Fu la prima grande vittoria per il carrozziere veneto e una grande affermazione Alfa Romeo.Zagato sperimentò l’innovativa scocca metallica soppiantando quelle in voga fino all’ora in legno.Quelle auto vinsero molto dotate di meccanica di prim’ordine e di sperimentazioni risultate poi vincenti.

Per difficoltà finanziarie Zagato chiude l’azienda nel 1932 per divenire consulente della Carrozzeria Brianza.Dopo poco però risorge la Carrozzeria Zagato e nel 1938 alla Mille Miglia ben 36 auto sono carrozzate da Zagato! Lavorerà poi per la Isotta Fraschini collaborando alla nascita della guida avanzata per autocarri e per dar vita al progetto della Monterosa auto a trazione posteriore

Lo stile Zagato fece scuola non solo per la leggerezza delle vetture ma anche per una aerodinamica sofisticata come per esempio quella della Giulietta SZ nata a cosa tonda per poi essere trasformata a coda tronca che distinguerà in futuro altri modelli come la TZ e la TZ 2.Per ultimo ma non per importanza le famose gobbe nate per accontentare un cliente troppo alto per l’abitacolo un po angusto.

Zagato muore all’età di 78 anni

 

 

Alfa Romeo 1500 6C Gran Sport # chassis 211371
Alfa Romeo 1500 6C Gran Sport ZAGATO # chassis 211371  Mille Miglia 2016          foto di Italianedacorsa
Alfa-Romeo-1750-6C-Gran-SPORT-chassis-10814397
Alfa-Romeo-1750-6C-Gran-SPORT-chassis-10814397  Chantilly Arts & Elegance   foto di Italianedacorsa

Lancia-Aprilia-SPIDER-Zagato
Lancia-Aprilia-SPIDER-Zagato
Questa Lancia Aprilia Spider fu allestita da Zagato per la Mille Miglia 1938 che si classificò al 14° posto assoluto con l’equipaggio Villoresi-Forti.Il numero gara è quello originale dell’epoca.Era targata Milano 1633.La foto si riferisce alla Mille Miglia 2013    foto di proprietà di italianedacorsa
Fiat-8V-Coupè-Zagato
Fiat-8V-Coupè-Zagato
Zagato interviene su questa meccanica con una carrozzeria semplice e leggera che ricevette molti consensi sia dal pubblico che dalle piste dove ottenne successi anche con Elio Zagato al volante.La foto si riferisce alla Mille Miglia 2015 con passaggio da Castiglion D’Orcia SIENA   foto di proprietà di italianedacorsa
Fiat 8V
Fiat 8V alla Mille Miglia rievocatriva del 2014   Foto di proprietà di ITALIANEDACORSA

 

 

-O.S.C.A.-1600-GT-Zagato
O.S.C.A.-1600-GT-Zagato    foto di proprietà di italianedacorsa
Questa OSCA riunisce chiare vocazioni sportive sia ambizioni da granturismo per impiego stradale.Motore di 1600 cc. con potenza di 95 CV per arrivare a 105 nelle versioni più spinte.Il progetto risale al 1960 ma sarà commercializzata solo nel 1962 in allestimento STRADALE o CORSA tipo LE MANS.Designer Ercole Spada.Costruita in 128 esemplari.La foto si riferisce a un modello con parafanghi e fari non carenati.Fotografata al Concorso di Eleganza Chantilly Arts & Elegance 2017.La O.S.C.A.1600 ZAGATO-GT partecipa a diverse gare.Citiamo le più importanti:
Coppa della Consuma 1963 valevole per il campionato italiano di Velocità Turismo vince la classe 1600 cc. con Mario Nardari alla media oraria di 89 Km/h.La vettura riporta la targa TV73400 e numero di telaio/chassis #0101

Questa vettura è una delle più famose dell’atelier ZAGATO in quanto ne sono state prodotte dal 1965 al 1972 più di 7000 esemplari in diverse versioni.L’auto fu presentata al Salone dell’auto di Torino del 1965 è fu tale il successo che la produzione dovette partire subito a ritmi elevati per assecondare le elevate richieste.I primi esemplari per mancanza di scocche furono approntati in alluminio anzichè in metallo.Solo a livello di prototipo fu allestita anche la versione spider.Il motore è lo stesso della Fulvia Coupè cosi come altri componenti ma la linea di ZAGATO risulta più avveniristica perdendo qualcosa dell stile Lancia e guadagnando le linee bombate che evocano al carrozziere.Ercole Spada traccia un profilo a due volumi con frontale liscio e il posteriore che percorre tutta la vettura alleggerendone la forma e regalandole dinamicità e sensazione di velocità.


Italianedacorsa-Maserati-A6G-54-Zagato
Maserati-A6G-54-Zagato   foto do proprietà di italianedacorsa
Questa magnifica Maserati,fotografata alla Mille Miglia 2017 nei pressi del Passo dell’Abetone,rimane una delle più belle della casa milanese.Zagato concepisce questa berlinetta a 2 posti adatta ai viaggi veloci e ottima per le gare Gran Turismo.Questo modello pur essendo uscito dalla produzione nel 1956 ha continuato a vincere fino ai primi anni 60.A livello di impostazione ricalca la A6 GCS/53 seppure con telaio rivisto con motore e altri organi meccanici addomesticati all’uso stradale.
Maserati-A6G-54-Zagato
Maserati-A6G-54-Zagato fotografata alla Mille Miglia rievocatova del 2013.Questi due modelli fanno parte della seconda serie di Maserati-A6G-54-Zagato.Si ricorda che la sigla A6G54 sono acronimi di Alfieri 6 cilindri Ghisa1954.La Maserati è dotata del telaio GILCO
Italianedacorsa-Lancia-Flaminia-SPORT-Zagato
Lancia-Flaminia-SPORT-Zagato fu presentata al Salone di Torino del 1958 con carrozzeria in alluminio
Italianedacorsa-Lancia-Flaminia-SPORT-Zagato
Lancia-Flaminia-SPORT-Zagato a Chantilly Arts & Elegance
Fiat 1100 E Zagato Coupè
Fiat 1100 E Zagato Coupè fotografata alla Mille Miglia rievocatica in zona Volterra.Con questa auto il figlio Elio si aggiudica molte gare del campionato turismo 1100 dei primi anni 50.   foto di proprietà di italianedacorsaFiat 750 Zagato Coupè Fiat 750 Zagato Coupè Panoramica   Foto di italianedacorsa
Aston Martin DB4
Aston Martin DB4 costruita in 19 esemplari molti dei quali ancora esistenti-La foto ritrae l’auto al concorso di ELeganza di Chantilly   foto di italianedacorsa
Maserati-Biturbo-Cabriolet
Maserati-Biturbo-Cabriolet  fotografata al Concorso D’Eleganza di Salvarola Terme 2019-Prodotta in 3076 esemplari dal 1985 al 1994 esordisce al salone di Torino nel 1984   foto di italianedacorsa
OM 665 Superba
OM 665 Superba
Lancia Appia GTZ
Lancia Appia GTZ al Concorso di Eleganza di Salvarola Terme del 2019   foto di italianedacorsa

 

Fiat Abarth 1000 BIALBERO
Fiat Abarth 1000 BIALBERO a Chantilly Arts & Elegance linea realizzata da Ercole Spada allora responsabile stile della Zagato   foto di italianedacorsa
Alfa ROmeo SVZ
Alfa Romeo SZ   foto di italianedacorsa
Alfa Romeo TZ
Alfa Romeo TZ   foto di italianedacorsa

Lascia un commento